Tolga During. photo: Gloria Chilotti

Tolga nasce a Istanbul nel 1977 ma cresce in una piccola isola nel nord dell’Olanda. Comincia a studiare chitarra classica all'età di otto anni. Qualche anno dopo passa alla chitarra elettrica e comincia a fare i primi concerti con le band locali. A diciotto anni si trasferisce ad Amsterdam dove scopre il Jazz e il Jazz Manouche di Django Reinhardt. Di tanto in tanto prende qualche lezione, ma sostanzialmente si forma come autodidatta.

Nel 1999 nasce, il “Tolga Trio” con cui registra l'album Bohemia. Il CD riscuote un buon successo, tanto che il trio viene invitato a numerosi festival in Olanda e all’estero, tra quali il prestigioso Montreux Jazz Festival in Svizzera. Tolga si innamora dell’Italia, dove spesso viene invitato a suonare; così nella primavera del 2005 decide di stabilirvisi.

Nel frattempo ha continuato a sviluppare la sua musica, arrivando ad incidere il suo nono album come bandleader ‘Gelibolu’ (2018). In questo CD Tolga sperimenta un nuovo strumento costruito appositamente per lui; si tratta di una chitarra con due manici uno dei quali è senza tasti. Anche grazie a esso, Tolga ha intrapreso una ricerca di nuove sonorità che attingono spesso alla musica orientale. La musica scritta e suonata da Tolga è stata usata per film, programmi televisivi e documentari in tutto il mondo.

 

Stampa:

'Tolga è un musicista che combina uno stile unico e coinvolgente con una padronanza tecnica fuori dal comune. La sua musica è straordinaria e tuttavia riesce a rimanere pura e limpida.'
Turkish Daily News

'Musica di una bellezza incredibile, che supera i confini di tempo e di genere'
Moors Magazine

'La musica di Tolga è bellissima. Ha una capacità naturale di far sembrare semplice ciò che non è semplice. Il virtuosismo e l'eccellente tecnica sono secondi solo al suo bellissimo fraseggio melodico; Tolga è un musicista molto riconoscibile: se lo ascolto nei dischi o su un palco con altri 20 chitarristi, distinguo la sua impronta, il suo suono."
Sasà Calabrese, Peperoncino Jazz

'Merita grande attenzione e visibilità. E' un lavoro molto raffinato, curato, e soprattutto di una bellezza mozzafiato'
Rootstime

'Musica acustica con stretto legame al jazz, alla musica contemporanea e mediorientale. Il suono della chitarra di Tolga a volte assomiglia a quello di un ud, e ricorda Renaud Garcia Fonds. I brani sono composizioni ambiziose, ben strutturate, che consentono alla musica di respirare e ci fanno sognare posti lontani. Tolga ha un suono pulito e le sue improvvisazioni sono ispirate, disciplinate e profondamente musicali.'
Francis Couvreux, Etudes Gitanes

'Musica di rara bellezza'
Alessandro Nobis, Folk Bulletin

'Tolga mostra una fantasia sempre rinnovata, con poesia fresca e uno swing favoloso. Point Of View è uno dei migliori album swing manouche degli ultimi cinque anni.'
Serge Warin, Canal Blue

'Tolga ha un grande talento, il suo fraseggio puro insieme al bellissimo timbro è una gioia da ascoltare. Il suo trio rinnova il genere con uno stile dinamico personale.'
Francis Couvreux, Etudes Tsiganes

'Repertorio affascinante, arrangiamenti accattivanti, improvvisazioni virtuose e piene di energia e un’incredibile maestria.'
Akustik Gitarre, Germania

'Bellissimo, potente e, più importante, felice'
Dmitry Shakin, Radio Vladivostok, Russia

'Roba forte, suonato con passione!'
Michael Dregni, Vintage Guitar Magazine, USA

'decisamente ben suonato'
Neri Pollastri, All About Jazz, Italia

'Con il risorgimento del gypsy jazz in Europa e nord America, il Tolga Quartet aggiunge un'altra bella voce a questo filone e sicuramente tra le migliori.'
Kirk Albrecht, Minor7th.com

Festival e concerti:

Montreux Jazzfestival - Svizzera, Shanghai World Music Festival - Cina, Royal Albert Hall - Inghilterra, Ferrara Jazzclub, International Jazzfestival Terrassa - Spagna, Django Reinhardt Festival Torino, Shetland Folk festival - Scozia, Acoustic Guitar Meeting - Sarzana, Nardis Jazzclub - Turchia, SJU Jazzpodium - Olanda, PIT - Norvegia, Django Fest - Polonia, Pflasterspektakel - Austria, Killarney Summerfest - Irlanda, Blühendes Barock - Germania, Bansko International Jazz Festival - Bulgaria, Mavrovo Winter Festival - Macedonia, The Quecumbar - Inghilterra, Bologna Jazzfestival - Italia, Argini & Margini - Pisa, Calagonone Jazz Festival - Sardegna, Eco della Musica Festival, Stranger Than Paranoia Festival - Olanda, Borgo Sonoro - Romagna, Vesprem Music Festival - Hungary, Pori International jazz Festival - Finlandia